Disuguaglianze territoriali e voto politico

31 janvier-2 février 2019, Napoli

Sessione del Congresso della Società Italiana di Sociologia Economica, Sviluppo e disuguaglianze. A Sud del Nord e a Nord del Sud

I divari territoriali e le diseguaglianze spaziali sono tornati protagonisti del dibattito globale, tanto da assurgere – nei discorsi e nelle rappresentazioni di politici e media – a fattore strutturante del campo politico. Brexit, l’elezione di Trump se non i risultati delle stesse elezioni italiane del 4 Marzo sarebbero stati, secondo un’efficace immagine del geografo economico Rodriguez Pose, la “vendetta dei luoghi abbandonati”. Ovvero di quelle popolazioni che, confinate ai magini dei nuovi processi di agglomerazione e specializzazione che anche in Europa hanno caratterizzato l’ultimo trentennio, avrebbero vendicato la propria condizione di minorità politica, sociale ed anche culturale cui le elites delle economie urbane cultural-cognitive le avrebbero costrette dopo la fine dell’economie industriali (e, nell’est, del socialismo reale). A guardare i tre casi citati, la polemica dei “populisti” contro le elite delle due coste (Trump), i radical-chic del centro (Salvini) e i cittadini globali parigini (Le Pen) confermerebbero quantomeno la rilevanza di tali divari nel discorso politico sebbene, ovviamente, non il loro effettivo ruolo nel determinare i comportamenti elettorali. E confermerebbero quanto, in effetti, l’analisi delle diseguaglianze spaziali dovrebbe progressivamente spostarsi dalla scala urbana a quella territoriale nella consapevolezza di quanto, in una società sempre più interdipendente ed altamente mediatizzata, la ricchezza ed il dinamismo “percepiti” di un luogo possa fare la povertà di un altro anche – se non soprattutto – se collocato a breve distanza.

Da questo punto di vista, nonostante i dati sul divario di crescita del Pil fra città e aree non urbane non restituiscano, quantomeno in Europa e negli Usa, un quadro inequivoco la percezione di tale divario si è invece inequivocabilmente acutizzata. Una percezione di estraneità se non alterità che riguardarebbe una condizione socio-territoriale in senso allargato e che sarebbe il frutto della drammatica sottovalutazione, da parte di economisti e policy-maker, di alcune esternalità negative della crescita del ruolo delle grandi città nell’organizzazione sociale ed economica propria all’era globale. Mentre si celebravano i guadagni in termini di efficienza determinati dalla rinnovata mobilità verso le città – si pensi alla grande crescita di Londra – si sottovalutavano i costi sociali ed economici che chi non era mobile si ritrovava a sostenere in territori che andavano così periferizzandosi. 

Se la globalizzazione porta benefici alle metropoli, ci sono altri territori e popolazioni “perdenti”. Sono teorie e modelli diversi, che situano la contestazione populista nel profondo: la Francia periferica come gli USA di Trump, l’Inghilterra del Brexit (Christophe Guilluy, Le Monde, 26 avril 2017). Sarebbe una rivoluzione della geografia elettorale: la città vota Macron, più ce se ne allontana più aumenta la Le Pen (Jacques Lévy, Le Monde, 26 avril 2017). Eppure una parte del dibattito contesta questa lettura (per la Francia si pensi ad esempio a Veltz, noto economista ma Grand Prix d’Urbanistica, che sostiene che le TGV è la metrò di Francia, Parigi e le metropoli -non solo Parigi, come in precedenza- crescono insieme e sono competitive nel mondo).

Sebbene ancora in modo dibattuto, si sta affermando una lettura delle disuguaglianze su scala territoriale che manifesta molteplici tensioni nelle espressioni di voto. E’ un terreno ancora poco esplorato, stimolato dai recenti avvenimenti politici e da una rilettura di equilibri e cambiamenti degli assetti post-crisi, che va a cercare nelle logiche delle passate politiche economiche e delle scelte di governo le spiegazioni di un diffuso consenso elettorale territorialmente situato.

Silvia Lucciarini (Sapienza Università di Roma, DiSSE)


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.