Crediti fotografici : Alessandro Gallicchio (TELEMMe - AMU-CNRS) Opere: Dominique Gonzales Foester, French Carpet, “concept” per la facciata di un edificio a Tirana, 2003

TOWARDS A CULTURE-CENTRED CITY THEORIES AND PRACTICES FOR A HIGH QUALITY URBAN FUTURE

Incontro organizzato da Rossana Galdini, DISSE (Sapienza Università di Roma) e Angelo Bertoni, TELEMMe (AMU-CNRS)

Roma, Goethe-Institut, 4 dicembre 2019

Il rapporto tra cultura e rigenerazione urbana è da alcuni decenni al centro della riflessione di diverse discipline e tema d’interesse del dibattito pubblico.

Un’interpretazione ormai largamente diffusa considera le risorse di tipo culturale come elementi cruciali per la vitalità delle città e per le loro performance economiche. La cultura si propone come una leva strategica per lo sviluppo di un territorio, in riferimento non solo al patrimonio artistico-architettonico, ma anche agli aspetti identitari e al capitale umano, fino a svolgere un ruolo centrale in alcuni processi di rinnovo della città. Le azioni basate sulla cultura si configurano, inoltre, come terreni d’incontro per la partecipazione e il coinvolgimento di attori diversi che dialogano su temi d’attualità: l’innovazione, la sostenibilità delle pratiche sociali, la qualità della vita. Esistono, tuttavia, interpretazioni critiche verso quegli approcci, spesso settoriali e incapaci di affrontare questioni di natura multidimensionale quali quelle relative al degrado, alla marginalità diffusa, all’esclusione di fasce di popolazione con esiti non di rado controversi.

La giornata di studi organizzata nell’ambito del laboratorio internazionale MediterraPolis e delle attività dell’Urban Regeneration Lab Rome-Berlin, con la collaborazione del Goethe-Institut di Roma, propone di analizzare e discutere in una prospettiva internazionale aspetti teorici ed esperienze concrete presenti in alcune realtà europee dove i processi di rigenerazione urbana hanno attribuito un ruolo importante alla dimensione culturale. Saranno messi a confronto tra loro ambiti disciplinari differenti, come l’architettura, la sociologia, la geografia, la storia dell’arte e la scienza politica, con l’obiettivo di contribuire all’aggiornamento del dibattito su un tema oggi di grande attualità.

Programma

Daniel Buren, Art of The World in Sarajevo, installazione a Sarajevo, 2011. Crediti fotografici : Alessandro Gallicchio (TELEMMe - AMU-CNRS)
Daniel Buren, Art of The World in Sarajevo, installazione a Sarajevo, 2011. Crediti fotografici : Alessandro Gallicchio (TELEMMe – AMU-CNRS)

14.00-14.30

Joachim Bernauer, direttore del Goethe-Institut Italien

Saluti

Rossana Galdini, DISSE (Sapienza Università di Roma) e Angelo Bertoni, TELEMMe (AMU-CNRS)

Presentazione dell’incontro

14.30-16.00

Modera: Angelo Bertoni, TELEMMe (AMU-CNRS)

Laura Verdelli, CITERES (UT-CNRS)

Patrimonio, rigenerazione urbana e attrattività: il caso di Tours (Indre-et-Loire, Francia)

Alessandro Gallicchio, TELEMMe (AMU-CNRS)

La città, una grande tela bianca? Arte contemporanea e “rigenerazione urbana” nei Balcani: Tirana, Sarajevo e Skopje.

Othmane Djebbar, TELEMMe (AMU-CNRS)

La patrimonializzazione delle medine del Maghreb: dalle considerazioni culturaliste alla valorizzazione.

Coffee break

16.15-17.45

Modera: Rossana Galdini, DISSE (Sapienza Università di Roma)

Matteo Colleoni, Università di Milano-Bicocca

Mob-art: l’arte nelle reti e nei nodi della mobilità

Felicitas Hillmann, IRS (Technical University Berlino)

…………..

Alessandro Marata, Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori

………………………

17.45

Dibattito conclusivo

Sala Conferenze del Goethe- Institut Rom, Via Savoia 15-Roma


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.