Libro de los juegos de Alphonso X el savio, 1262-1283 ca.

La Città Multietnica nel Mondo Mediterraneo. Storia, cultura, patrimonio

LA CITTÀ MULTIETNICA NEL MONDO MEDITERRANEO

Libro de los juegos de Alphonso X el savio, 1262-1283 ca.
Libro de los juegos de Alphonso X el savio, 1262-1283 ca.

STORIA, CULTURA, PATRIMONIO

Genova, Scuola Politecnica-Architettura, 4-5 giugno 2018

Assistiamo oggi a un’enorme affluenza di stranieri che si riversano in una città che a stento basta a contenerli. Si tratta in gran parte di persone senza patria: arrivano da ogni parte del mondo, portati dall’ambizione, dalla necessità di lavoro, dal ruolo di ambasciatori; alcuni spinti dai loro vizi, altri dal desiderio di studio; alcuni attratti dagli spettacoli, altri dalle possibilità di intrecciare relazioni o sotto il peso della sfortuna… Arrivano in massa, dopo aver abbandonato le loro case e sperando di trovare un’occasione in quella che è la capitale del mondo, ma non la loro.

Non sono parole di oggi: le ha scritte Seneca circa duemila anni fa, di fronte all’abnorme crescita della città di Roma. In apparenza, sembrano perfettamente attagliarsi a descrivere alcuni processi che caratterizzano il mondo contemporaneo. In realtà, dal tempo dei romani tutto o quasi è cambiato: c’è stata l’affermazione delle religioni monoteiste e il profondo riconfigurarsi delle relazioni inter-mediterranee; la scoperta di nuove terre al di là dell’oceano e il loro sistematico sfruttamento; la rivoluzione industriale e la fine (?) del colonialismo. La Riforma, la dichiarazione dei diritti dell’uomo, la Seconda Guerra Mondiale. La natura stessa delle città negli ultimi secoli è profondamente mutata, sia negli assetti interni che nei rapporti con il territorio regionale e statale, oltre che con il più ampio contesto internazionale. Le relazioni centro-periferia; il tessuto economico e i percorsi dell’integrazione sociale; i dislivelli culturali e le forme della sociabilità: sono altrettanti ambiti, fra i molti, in cui il variare dei giochi di scala ha disegnato paesaggi urbani disparati e fra loro scarsamente comparabili. Pure i concetti di cittadinanza, ‘razza’, etnia sono stati scritti e riscritti più volte.

In questo panorama generale, il mondo mediterraneo è sempre stato uno degli scenari in cui l’incontro/scontro di popoli e civiltà è stato più ricco, vario, intenso, andando spesso a imprimersi profondamente sul volto della città: non solo sulle coste e nelle aree di confine, ma anche all’interno di paesi comunque affacciati sul mare, e per cui il mare costituiva un ineludibile orizzonte di riferimento. A testimoniarlo non sono solo la configurazione degli spazi urbani e la circolazione di determinati modelli insediativi (porti, fiere, fondaci, ghetti), ma anche gli usi linguistici e i costumi alimentari, le pratiche sociali e giuridiche, molte delle più tipiche espressioni culturali e artistiche europee, frutto di un’antichissima – seppur non sempre pacifica – abitudine alla convivenza con lo straniero.

L’incontro si propone di sollecitare i soci dell’AISU a riflettere sugli aspetti di continuità, come sui momenti di snodo e frattura, che hanno a lungo condizionato la dimensione multietnica delle nostre città. Si vorrebbe così focalizzare l’attenzione sulle specificità dei luoghi e dei periodi di una storia millenaria, che ha dato vita a un patrimonio culturale – materiale e immateriale – che pare oggi messo variamente e duramente a repentaglio. Intendiamo discuterne in una prospettiva eminentemente storica − a partire da ben documentati casi di studio, tali da offrire spunti di comparazione − senza tuttavia rinunciare a interrogarci sul senso delle nostre ricerche in uno scenario travagliato quale quello in cui viviamo. Senza facili anacronismi, ma senza neppure rifugiarci nell’alibi dello specialismo, mentre sotto i nostri occhi il Mediterraneo è più che mai teatro di ecatombi, esclusioni, sofferenze, pur non mancando progetti ed esperimenti volti a sostenere forme di coabitazione meno inique che in passato. In altre parole, vorremmo dare ai quesiti tipici delle nostre tradizioni disciplinari un orizzonte più ampio, sensibile rispetto ai problemi del tempo presente; e questo oggi non può che significare anche riflettere sulle forme della comunicazione scientifica e sul ruolo della ricerca storica nel dibattito contemporaneo, in un momento in cui le pratiche consolidate sembrano messe in crisi dal potere dei mass media, reso più pervasivo e capillare che mai dall’inarrestabile espansione delle nuove tecnologie.

Poste queste premesse, l’incontro si articolerà su più binari, adottando una formula mista tale da consentire la massima flessibilità e trasversalità sia nei modi che nei contenuti della discussione. Sulla base delle proposte di intervento che perverranno al comitato scientifico, saranno organizzate alcune sessioni tematiche (o cronologiche) introdotte da discussants che avranno il compito di inquadrare storicamente e storiograficamente gli argomenti di studio, nonché di animare il dibattito fra i partecipanti.

I soci sono tuttavia caldamente incoraggiati a presentare anche proposte che si avvalgano di nuovi sistemi di comunicazione, come – solo a titolo d’esempio − poster, elaborati video/fotografici, installazioni multimediali, che saranno oggetto di una mostra itinerante, inaugurata una prima volta in occasione dell’incontro a Genova (dove rimarrà aperta un mese), e che successivamente potrà circolare nelle sedi universitarie interessate a riallestirla.

A conclusione dell’incontro, una tavola rotonda moderata da un giornalista di vaglia avrà il compito di tirare le fila dei lavori, aprendo il dibattito alle sollecitazioni del tempo presente.

CALL FOR PAPERS

È aperto il call for papers per proposte di intervento su qualsiasi argomento ritenuto coerente con le coordinate di cui sopra, senza limitazioni disciplinari o cronologiche; nel selezionare le proposte pervenute il comitato scientifico darà tuttavia la precedenza agli studi presentati in chiave comparativa e tali da suscitare interessi di carattere trasversale. Possibili spunti:

  • Migrazioni e città nel Mediterraneo
  • Nazioni, imperi, metropoli: la dimensione multietnica delle città capitali
  • Muri, sbarramenti e recinzioni, materiali e/o immateriali: vecchie e nuove pratiche di segregazione urbana
  • Segni e strumenti di demarcazione identitaria nello spazio urbano
  • Il patrimonio controverso: la trasmissione di una memoria composita in una società multietnica
  • Fra un’etnia e l’altra: mediatori, interpreti, traduzioni, vocabolari
  • Norme, diritti, ideologie della cittadinanza
  • Minoranze in città: strategie e topografie di insediamento, dinamiche di integrazione
  • Luoghi dell’accoglienza, luoghi dell’esclusione
  • Colonie / Colonialismi: antichi modelli, nuovi contesti
  • Risorsa o minaccia? Lo straniero in città nei momenti di conflitto
  • Le arti: strumento di dominio, espressione di identità
  • Città e luoghi di frontiera (porti, valichi, coste)

Le proposte potranno assumere le forme più varie, purché consapevoli e rigorose sul piano metodologico: brevi interventi orali (max 10-15 minuti), poster, elaborati video e/o fotografici, installazioni multimediali. In questi ultimi casi, il Comitato scientifico si riserva di chiedere agli autori selezionati di ricalibrare le proprie proposte in funzione delle possibilità materiali dell’allestimento espositivo.

Le proposte dovranno essere inviate al Comitato scientifico per e-mail (convegno2018@storiaurbana.org) entro il termine ultimo dell’11 febbraio 2018, corredate di titolo, breve abstract (max 1000 car.) e curriculum vitae dell’autore (max 1000 car). L’accettazione sarà comunicata entro il 15 marzo 2018.

Tutti i materiali selezionati saranno pubblicati online sul sito dell’AISU (in lingua italiana, inglese o francese), con ISBN e previa double blind peer review. Una scelta dei contributi più originali e significativi sarà oggetto di un’ulteriore pubblicazione a stampa.

J.-F. Rauzier, Barcelona veduta ,2011
J.-F. Rauzier, Barcelona veduta ,2011

COSTI DI ISCRIZIONE

  • Soci AISU senior: 80 €
  • Soci AISU junior: 20 €
  • Non soci senior: 180 €
  • Non soci junior: 100 €
  • Queste cifre saranno maggiorate di 30 € in caso di iscrizione successiva al 1 maggio 2018

SCADENZE

  • Apertura del call for papers 1 dicembre 2017
  • Chiusura del call for papers 11 febbraio 2018
  • Notifica dell’accettazione delle proposte 15 marzo 2018
  • Apertura dell’iscrizione agevolata 15 marzo 2018
  • Chiusura dell’iscrizione agevolata 1 maggio 2018
  • Scadenza per l’invio dei papers/altri materiali 15 maggio 2018

COMITATO SCIENTIFICO

  • Salvo Adorno, Università di Catania
  • Alfredo Buccaro, Università di Napoli Federico II Teresa Colletta, Università di Napoli Federico II
  • Giovanni Cristina, École des Hautes Etudes en Sciences Sociales Gerardo Doti, Università di Camerino
  • Marco Folin, Università di Genova Luigi Fontana, Università di Padova Andrea Maglio, Università di Napoli
  • Fabio Mangone, Università di Napoli Federico II
  • Francesca Martorano, Università Mediterranea di Reggio Calabria Luca Mocarelli, Università di Milano Bicocca
  • Sergio Onger, Università di Brescia Heleni Porfyriou, CNR-ICVBC Marco Pretelli, Università di Bologna Fulvio Rinaudo, Politecnico di Torino
  • Massimiliano Savorra, Università del Molise Donatella Strangio, Università di Roma La Sapienza Elena Svalduz, Università di Padova
  • Rosa Tamborrino, Politecnico di Torino Ines Tolic, Università di Bologna

COORDINAMENTO SCIENTIFICO

  • Marco Folin, Università di Genova
  • Alireza Naser Eslami, Università di Genova

ORGANIZZAZIONE

Iniziativa organizzata dall’Associazione Italiana di Storia Urbana (AISU) con il patrocinio del Dipartimento DAD/Università di Genova e il supporto di:

  • Laboratoire International Associé MediterraPolis; UMR TELEMME (AMU/CNRS), Maison méditerranéenne des sciences de l’Homme, Aix-en-Provence
  • Centro Internazionale di Ricerca sull’Architettura del Mondo Islamico e del Mediterraneo

SEDE

Il convegno si terrà presso il Dipartimento Architettura e Design (DAD) della Scuola Politecnica dell’Università di Genova, situata in Stradone Sant’Agostino 37 (16123 Genova), nel cuore del centro storico.

CONTATTI

convegno2018@storiaurbana.org

Logo AISU

Logo dAD   Logo CIRAMIM

Logo TELEMMe Logo LIA MediterraPolis


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.