Scambi mediterranei: diplomatici e libri in età moderna / Circulations méditerranéennes : diplomates et livres à l’époque moderne

Colloque

20-21 JANVIER 2020
SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA
PIAZZALE ALDO MORO 5
EFR ROMA, PIAZZA
NAVONA 62

Dans le cadre des activités du LIA MediterraPolis

Organisé par :

  • Daniele Bianconi (Sapienza Università di Roma)
  • Emmanuelle Chapron (Aix-Marseille Université)
  • Elena Valeri (Sapienza Università di Roma)

Partenaire(s) :

  • École française de Rome
  • LIA MediterraPolis
  • Dipartimento SARAS – Dottorato di Storia Antropologia Religioni (Sapienza Università di Roma)

Il convegno Scambi mediterranei: diplomatici e libri in età moderna si propone di indagare il tema della circolazione libraria tra i principali centri urbani dell’area mediterranea al seguito, e per il tramite, delle numerose missioni diplomatiche che costituirono uno degli aspetti più significativi e non ancora del tutto esplorati della vita politica e intellettuale in età moderna. Nei secoli XV-XVIII, i due termini su cui intendiamo sollecitare la riflessione conobbero cambiamenti importanti: da un lato, l’avvento della stampa mutò profondamente la storia del libro, sia pure in forme meno drammatizzate di quanto non si ritenga, e la nascita delle grandi biblioteche ridefinì le coordinate, fisiche e intellettuali, dello spazio comunicativo urbano; dall’altro, la figura dell’ambasciatore cominciò a spogliarsi delle vesti tradizionali del letterato di ascendenza medievale e umanistica per intraprendere un percorso di sempre più rapida professionalizzazione. Incrociando diversi piani di ricerca – la storia del libro, manoscritto e a stampa, la storia delle biblioteche, dell’erudizione e dell’antiquaria, la storia intellettuale, la storia delle relazioni politiche e della diplomazia – e coniugando riflessioni generali e più puntuali approfondimenti su singoli case-studies, il convegno si propone di inquadrare il campo di tensioni dialettiche instauratesi tra diplomazia e libro. Quest’ultimo verrà indagato nel suo essere, di volta in volta, veicolo di un testo, oggetto concreto e talora prezioso da portare in dono, espressione simbolica di alterità (quando non vera e propria contrapposizione) culturale, ma anche compagno di viaggio e insostituibile strumento di lavoro per gli ambasciatori, le cui biblioteche, spesso itineranti al loro seguito, rivitalizzavano il contesto in cui erano dislocate ma ne risultavano altresì arricchite.


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.