Muoversi in città. Pratiche, percorsi e contesti della mobilità intraurbana dal 1600 ad oggi

Organizzato nell’ambito del programma di ricerca Settling in motion1 e del Laboratorio Internazionale Associato italo-francese MediterraPolis, il colloquio ha per oggetto  la mobilità in città, dall’epoca moderna ai nostri giorni.

La città ha sempre rappresentato un forte polo di attrazione per le migrazioni e più in generale un luogo privilegiato per il dispiegarsi della mobilità umana in tutte le sue forme.

Le tipologie di mobilità che coinvolgono la città come punto di arrivo o di partenza sono infatti molteplici e possono differire per motivazione (lavoro, studio, famiglia, consumo, cura…), per durata o frequenza (definitiva, temporanea, occasionale, quotidiana…) e per ampiezza dello spostamento, che può attraversare i confini statali come limitarsi a poche centinaia di metri.

Il colloquio avrà come oggetto la mobilità intraurbana, ovvero tutte le forme di spostamento che hanno origine e destinazione all’interno di un’area urbana, indipendentemente dal motivo e dalla frequenza con cui esse hanno luogo. Saranno quindi di interesse sia gli studi sulla mobilità residenziale, ovvero sui cambiamenti di abitazione, che quelli sugli spostamenti quotidiani, di tipo pendolare e non.

Nelle scienze sociali, il tema della mobilità residenziale, ha fatto l’oggetto di diversi studi, che la legano saldamente alla fase del ciclo di vita. Dal canto loro, gli studi sulla città moderna, in particolare fondati sulla ricostruzione longitudinale delle traiettorie e sulla « event history analysis », hanno messo in luce la grande mobilità interna alle città anche nel XVIII e nel XIX secolo. Molteplici le fonti utilizzate per tali studi. Da un lato, gli atti di stato civile, i registri parrocchiali e le liste nominative sono stati oggetto delle analisi in chiave storica ; dall’altro i registri anagrafici e indagini ad hoc hanno nutrito le analisi più recenti.

Partendo da queste premesse, l’obiettivo del colloquio è quello di esplorare la mobilità in città in relazione alle dinamiche sociali, come un elemento « rivelatore » del funzionamento delle società urbane2. Per fare ciò, si intende mettere in atto un approccio centrato sugli individui e le loro pratiche di mobilità da un lato (ciclo di vita e biografia) e sul contesto spaziale e storico dall’altro, considerando, ad esempio, anche l’impatto di shock congiunturali come quelli provocati da una crisi economica e da altri eventi inattesi e improvvisi di tipo ambientale o sociopolitico. Il dialogo tra discipline diverse permetterà di individuare continuità e rotture al di là della periodizzazione classica pre e post Rivoluzione industriale.

Le comunicazioni possono provenire da discipline diverse : dalla storia alla demografia, dalla sociologia alla geografia. Saranno di particolare interesse i casi di studio e le proposte centrate sulla prospettiva individuale e microanalitica, che si potranno inserire nei seguenti assi di riflessione :

Biografia, ciclo di vita e mobilità

La mobilità residenziale mostra un’intensità variabile nel corso della vita degli individui. In particolare, e numerosi studi hanno evidenziato l’esistenza di una chiara interrelazione tra la variazione del luogo di residenza e il verificarsi di una serie di eventi del ciclo di vita: dalla formazione/dissoluzione della famiglia, ai mutamenti che avvengono nel corso della carriera educativa e lavorativa. Quale è il ruolo giocato dalla mobilità intra-urbana nei percorsi di vita individuali ? E quali sono i legami con i percorsi di mobilità sociale ascendente o discendente ?

Mobilità, abitazioni e trasformazioni urbane

La mobilità residenziale è condizionata sia dalle caratteristiche dell’abitazione in cui si vive che dalle condizioni del mercato abitativo. Chi vive in un’abitazione ampia di proprietà ha una minore probabilità di traslocare rispetto a chi si trova in affitto in un piccolo appartamento. Allo stesso tempo la disponibilità di abitazioni è influenzata dal livello dei prezzi e dal tasso di turnover, che a sua volta è correlato positivamente con un’alta quota di giovani e di immigrati tra i residenti. Inoltre, la mobilità intraurbana è legata anche alla presenza di alcune specifiche strutture di accoglienza, dalle osterie del passato fino ai meublés dei nostri giorni. Al centro di questo asse saranno le relazioni tra la mobilità residenziale da un lato e la domanda/offerta abitativa e le caratteristiche dell’abitazione dall’altro. La riflessioni sarà orientata a determinare il ruolo della mobilità nella trasformazione urbana, considerata nella sua materialità (immobili).

Percorsi quotidiani. Pendolarismo e mobilità non residenziale

Questo asse raccoglie i contributi che hanno per oggetto i movimenti quotidiani pendolari e circolari effettuati per motivi di lavoro o di studio, ma anche altre forme di mobilità non sistematica che non implicano un cambio di residenza, legate ad attività come lo shopping, la cura, il divertimento, i pasti, ecc. Dal punto di vista storico, gli spostamenti quotidiani hanno raramente suscitato l’attenzione degli studiosi. La prossimità era davvero, come si crede, la sola dimensione della mobilità intraurbana ? Quali abitanti percorrevano le distanze più importanti ? E per quali motivi ?

Le direttrici della mobilità residenziale

All’interno della città i residenti sviluppano molteplici traiettorie abitative che contribuiscono talvolta a definire e indirizzare la trasformazione socioeconomica dei diversi ambiti urbani. Processi come la gentrification o l’urban sprawl rappresentano alcuni dei caratteri che può assumere la mobilità residenziale nel corso del tempo in un’alternanza che può vedere la prevalenza di direttrici territoriali opposte, centrifughe piuttosto che centripete, tendenti alla diffusione o alla concentrazione, che andranno a produrre città differenti, più o meno dense, rarefatte o diseguali. La disamina delle caratteristiche distintive delle traiettorie urbane, delle cause scatenanti e degli impatti generati sarà oggetto di questo asse.

Modalità di invio delle proposte

I    partecipanti     invieranno     la     loro     proposta    (300    parole     max.)     e    un    CV    a eleonora.canepari@univ-amu.fr e m.crisci@irpps.cnr.it, entro l’11 febbraio 2018.

Le risposte saranno comunicate entro il 25 febbraio 2018.

Comitato scientifico

  • Renata Ago (DSCR, Università di Roma La Sapienza)
  • Eleonora Canepari (TELEMMe UMR 7303, CNRS-AMU)
  • Massimiliano Crisci (IRPPS-CNR)
  • Giuseppe Gesano (IRPPS-CNR)
  • Angela Groppi (DSCR, Università di Roma La Sapienza)
  • Michele Nani (ISSM-CNR)
  1. Chaire d’excellence A*Midex, E. Canepari []
  2. Pinol 1999, p. 7-15 []

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.