Archives de catégorie : 1. Fabrique des territoires / Costruzione dei territori

L’axe 1 étudie les processus « ordinaires » de construction des territoires urbains. L’espace urbain est appréhendé dans sa dimension historique en tant que produit des phénomènes sociaux : une attention particulière est portée au rôle des habitants (permanents ou temporaires) dans la fabrique de la ville.

L’asse 1 studia i processi «ordinari» di costruzione dei territori urbani. Lo spazio urbano è indagato nella sua dimensione storica in quanto prodotto di fenomeni sociali, con un’attenzione specifica al ruolo degli abitanti (stabili o temporanei) nella creazione della città.

[CFP] Gli spazi aperti nelle trasformazioni delle città mediterranee. Rappresentazioni, usi e norme

Call for Papers

GLI SPAZI APERTI NELLE TRASFORMAZIONI DELLE CITTÀ MEDITERRANEE RAPPRESENTAZIONI, USI E NORME

Convegno internazionale – Roma, 24-25 settembre 2018

L’obiettivo di questo convegno è di analizzare il ruolo degli spazi aperti nelle trasformazioni delle metropoli mediterranee.

In un contesto di crescita urbana, gli spazi non costruiti sono stati a lungo considerati spazi vuoti, abbandonati o in attesa di urbanizzazione. Con l’avvento del paradigma dello sviluppo sostenibile e della pianificazione di scala metropolitana, lo sguardo è cambiato. Nelle aree peri- urbane, gli spazi verdi e i terreni agricoli sono considerati come spazi multifunzionali, fattori di resilienza urbana. Al contempo, in città, la trama di spazi aperti interstiziali (parchi, lotti liberi) può portare a un mix di usi che supportano la vivibilità e la sostenibilità della vita cittadina.

Questo ribaltamento di visuale ci invita a riflettere sulle storie degli spazi aperti, le loro specificità e le relazioni che intrattengono con le aree edificate, per comprendere meglio i loro problemi di sviluppo e la diversità dei ruoli che possono svolgere nelle trasformazioni delle metropoli del Mediterraneo.

Gli argomenti oggetto di questa call sono: Continuer la lecture de [CFP] Gli spazi aperti nelle trasformazioni delle città mediterranee. Rappresentazioni, usi e norme

Construire et déconstruire la stigmatisation de l’habitat collectif social dans les villes françaises et italiennes

Journées d’études du LIA MéditerraPolis

Organisées par
  • Bruno Bonomo (Sapienza Università di Roma) et
  • Alice Sotgia (LIA MediterraPolis / LAA-LAVUE)

Lieu : IMéRa – Aix-Marseille Université
2 place Leverrier – Marseille
Dates : 15 – 16 janvier 2018

Contact : telemme[at]mmsh.univ-aix.fr

Tout au long du XXe siècle, une stigmatisation a souvent accompagné – et accompagne encore aujourd’hui – les espaces et les habitants des nombreux résidences et quartiers d’habitat collectif social. Dans une perspective interdisciplinaire et comparative entre des villes méditerranéennes françaises et italiennes, ces journées d’études veulent interroger les processus de construction et de déconstruction de la stigmatisation associée à cette typologie d’habitat. À quel moment ces immeubles et ces quartiers commencent-ils à être stigmatisés ? Pouvons-nous établir une chronologie générale de ces processus ou les dimensions nationales et locales imposent des chronologies différentiées? Quelles sont les raisons et les facteurs prioritaires de la stigmatisation (espaces urbains et architecturaux, conditions sociales, gouvernance, choix politiques…) ? Qui sont les différentes acteurs impliqués dans la construction et, plus récemment, dans la déconstruction des lourdes stigmatisations ? Quelle est la place des habitants en tant qu’objet des stigmatisations mais aussi acteurs des processus de déconstruction ? Y a-t-il une ou plusieurs rhétoriques de la stigmatisation ? Comment ces rhétoriques circulent et sont-elles alimentées ? Quelles solutions sont-elles envisagées pour déconstruire ces stigmatisations ? À travers des études de cas et des réflexions théoriques plus générales sur les sociétés urbaines et les politiques de la ville, ces journées d’études veulent réfléchir aux différentes chronologies, sujets et formes que la stigmatisation assume, autant qu’aux stratégies et résultats de sa déconstruction.

Nel corso del XX secolo, e ancora oggi, forme di stigmatizzazione hanno spesso segnato gli spazi e gli abitanti di numerosi complessi e quartieri di edilizia residenziale pubblica. Questo workshop intende interrogare il processo di costruzione e decostruzione della stigmatizzazione associata all’edilizia residenziale pubblica in una prospettiva comparata tra le città francesi e italiane del Mediterraneo. Quand’è che tali complessi e quartieri iniziano a essere stigmatizzati? È possibile stabilire una cronologia generale di tali processi o le dimensioni nazionali e locali impongono di adottare delle cronologie differenziate? Quali sono le ragioni e i fattori prioritari della stigmatizzazione (spazi urbani, architettura, condizioni sociali, governance, scelte politiche…)? Quali i differenti attori implicati nella costruzione e – più recentemente – nella decostruzione dello stigma? Che ruolo hanno gli abitanti in quanto oggetto di stigmatizzazione, ma anche in veste di attori dei processi di decostruzione? Esistono una o più retoriche della stigmatizzazione? Come vengono alimentate e attraverso quali canali circolano tali retoriche? Quali soluzioni si possono individuare per decostruire la stigmatizzazione? Attraverso studi di caso e riflessioni di taglio più generale sulle società e le politiche urbane, il workshop vuole mettere a fuoco le differenti cronologie, i diversi soggetti e le varie forme della stigmatizzazione, così come le strategie e gli esiti della sua decostruzione. Continuer la lecture de Construire et déconstruire la stigmatisation de l’habitat collectif social dans les villes françaises et italiennes